Professionisti

Guida Pratica Fatture Professionisti e Parcelle

La Fattura Professionisti, o Parcella, è il documento fiscale attestante la prestazione di un servizio professionale emesso da un soggetto appartenente a una categoria abilitata allo svolgimento di attività di libera professione.

Soggetti tenuti alla emissione di fatture professionisti e parcelle

ProfessionistiI soggetti interessati alla emissione di questa tipologia di documento sono moltissimi, tutte le figure che abitualmente si definiscono come ‘Professionisti’. In queste rientrano tutti quelli dotati di un Albo Professionale come Notai, Avvocati, Architetti, Geometri ecc. e tutti quelli che invece svolgono attività professionale senza essere iscritti ad un apposito Albo. Un’altra categoria che emette questo tipo di fattura sono gli Agenti di Commercio.

Terminologia

Per uso comune si utilizza il termine Parcella quando si tratta di un professionista iscritto all’Albo che quindi applica le tariffe e le direttive previste, mentre si ricorre al termine Fattura Professionisti in tutti gli altri casi, ad eccezione degli Agenti di Commercio, per i quali si usa la dicitura Fattura Provvigioni. In ogni caso si tratta di documenti analoghi, con molte caratteristiche comuni ed alcune differenze che vedremo nel dettaglio.

Il professionista ha obbligo di emissione della fattura non al termine della prestazione professionale, ma al momento dell’effettivo pagamento da parte del cliente. Per questo motivo è pratica comune che dopo la prestazione del servizio venga rilasciata una “fattura proforma”. Di questo di questo particolare documento parleremo in uno dei prossimi articoli di questa serie.

Caratteristiche principali

La principali caratteristiche di una fattura professionisti:

  1. Come per tutte le fatture devono essere riportati i dati del Professionista ed i dati completi del Cliente.
  2. Nel corpo fattura deve essere descritta correttamente la prestazione svolta
  3. Viene sempre applicata la ritenuta d’acconto sull’imponibile
  4. Viene calcolato il contributo previdenziale per la cassa di previdenza, che cambia a seconda della categoria professionale a cui appartiene il professionista; quando non c’è una cassa previdenziale specifica viene applicato il contributo INPS.
  5. Come in tutte le fatture viene applicata l’IVA.

Esempi pratici

L’avvocato

Il primo caso preso in esame è una categoria professionale che prevede la cassa previdenziale di categoria al 2% con inclusione di quest’ultima nell’imponibile (l’avvocato, per esempio).

Supponiamo che siano stati offerti servizi per un valore di €1.000,00; a questo dobbiamo aggiungere il contributo cassa di previdenza pari a €20,00 (2%), per un totale imponibile di €1.020,00. Si calcola l’IVA al 20% sull’imponibile, che è pari a €204,00. A questo punto va calcolata al ritenuta di acconto del 20% sull’imponibile della prestazione (esclusa quindi la cassa previdenziale), equivalente a €200,00 (20% di €1.000,00). Come evidenziato dalla tabella sotto il calcolo del netto a pagare, pari a €1.024,00, è presto fatto:

Imponibile prestazione€1.000,00
Contributo Cassa di Previdenza 2%€20,00
IVA 20%€204,00
Ritenuta acconto 20% su imponibile prestazione€200,00
Netto a pagare
(imponibile prestazione + contributo cassa previdenziale + IVA - ritenuta di acconto)
€1.024,00

Qui sotto vediamo la parcella elaborata con l’ausilio di Amica Fatturazione. Trattandosi di un esempio abbiamo scelto un modello di fattura/parcella molto semplice e poco accattivante. Naturalmente è possibile personalizzare la stampa secondo le proprio esigenze e preferenze.

Il consulente informatico

Il secondo caso preso in esame è una categoria professionale che non prevede la cassa previdenziale di categoria e deve quindi applicare la rivalsa INPS al 4%, con inclusione di quest’ultima sia nel calcolo dell’imponibile sia nel calcolo della Ritenuta di Acconto. I consulenti informatici, per esempio, rientrano in questa categoria.

Supponiamo che siano stati offerti servizi per un valore di €1.000,00; a questo dobbiamo aggiungere la rivalsa INPS pari a €40,00 (4%), per un totale imponibile di €1.040,00. Si calcola l’IVA al 20% che è pari a €208,00. A questo punto va calcolata al ritenuta di acconto del 20% sul totale imponibile (rivalsa INPS inclusa), pari a €208,00 (20% di €1.040,00). La tabella qui sotto ci aiuta a determinare il netto a pagare, pari a €1.040,00:

Imponibile prestazione€1.000,00
Rivalsa INPS 4%€40,00
IVA 20%€208,00
Ritenuta acconto 20% su imponibile prestazione (inclusa rivalsa INPS)€208,00
Netto a pagare
(imponibile prestazione + contributo cassa di previdenza + IVA - ritenuta di acconto)
€1.040,00

Anche in questo caso vediamo la fattura completa elaborata con Amica Fatturazione:

L’agente di commercio

Il terzo caso è relativo a una categoria professionale speciale, dotata di una casistica sui generis: si tratta degli Agenti di Commercio. In questo caso la Cassa Previdenziale è Enasarco, e prevede una gestione delle aliquote completamente diversa.

Supponiamo che siano maturate provvigioni di vendita per un valore di €2.000,00. Questo importo rappresenta l’Imponibile della nostra fattura. Si calcola l’IVA al 20%, pari a €400,00. A questo punto va calcolata la ritenuta Enasarco, pari al 50% del contributo previsto, che per il biennio 2011-2012 è del 13,5% ed è quindi pari a €135,00 (6,75% di €2.000,00). Infine calcoliamo la ritenuta di acconto, pari al 23% del 50% dell’imponibile, quindi €235,00 (23% di €1.000,00). Il netto a pagare risulta pari a €2.035,00 come si può ricavare dalla tabella riportata qui sotto:

Imponibile prestazione€2.000,00
IVA 20%€400,00
Ritenuta Enasarco al 6,75 (13,5% su 50% dell'imponibile)€135,00
Ritenuta di acconto (23% su 50% dell'imponibile)€230,00
Netto a pagare
(imponibile prestazione + IVA - contributo Enasarco - ritenuta di acconto)
€2.035,00

Ed ecco la fattura provvigioni elaborata con Amica Fatturazione:

Per quanto riguarda il contributo Enasarco è importante ricordare l’esistenza dei minimi e massimi. A seconda che l’Agente sia Monomandatario oppure Plurimandatario sono previsti dei minimi e massimi fatturabili ai quali ditte mandanti e Agenti sono tenuti ad adeguarsi. Fare riferimento  sito Enasarco per la verifica, in quanto questi valori vengono stabiliti periodicamente dall’Ente stesso. La pagina Contributo fondo Previdenza di Enasarco consente di visualizzare le tabelle con i minimi e massimi, di consultare alcuni esempi di calcolo e, dulcis in fundo, di calcolare online l’importo del contributo.

Attenzione: Stefano Gardini sta completando la scrittura di Guida Pratica alle Fatture, ebook gratuito che include un capitolo dedicato all’argomento di questo articolo con approfondimenti, risposte alle domande frequenti e consigli pratici. Vuoi essere informato non appena sarà disponibile online? Clicca qui.

Guide Pratiche alla Fatturazione già pubblicate

Stefano Gardini

Co-Fondatore e Amministratore di CIR 2000 e della linea di software gestionali Amica.

Cosa è e come funziona la Fattura Elettronica fra soggetti privati (B2B)

Stefano Gardini | 21 maggio 2018 | Fatturazione, Fisco e Tasse

Con la legge di Bilancio per il 2018 (L. 205/2017) sono state impostate alcune date determinanti l’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria per tutti, sia tra privati (B2B) che verso la PA. Vediamole nel dettaglio: 1 luglio 2018 Dal primo luglio 2018 l’obbligo di emissione della fattura elettronica e delle note di variazione riguarda tutte le prestazioni…
Leggi tutto

Ratei e Risconti – Guida Pratica alla Contabilità

Stefano Gardini | 19 gennaio 2018 | Contabilita, Guide

Tra le operazioni importanti da fare a fine anno compaiono di certo le rilevazioni relative ai ratei e risconti, che possono modificare a volte in modo sensibile il risultato di esercizio. Da notare che non si tratta di operazioni discrezionali: è necessario rilevarle qualora siano presenti nella nostra gestione. Vediamo di cosa si tratta e…
Leggi tutto


17 commenti su “Guida Pratica Fatture Professionisti e Parcelle”

    18 ottobre 2011 / Rispondi

    […] Guida Pratica alle Fatture Professionisti e Parcelle […]

    Mario22 giugno 2013 / Rispondi

    LA CASSA PREVIDENZA E’ AUMENTATA AL 4% …CONSIGLIO DI AGGIORNARE LA PAGINA

      Stefano Gardini3 luglio 2013 / Rispondi

      I dati utilizzati sono solo al fine di fare degli esempi e non rappresentano di necessità attinenza e aggiornamento con la realtà del momento. Tanto per fare un esempio molti articoli sono stati scritti con l’IVA la 20% e non al 21% ma sono perfettamente funzionali allo scopo divulgativo senza doverli ricorreggere tutti. Preferisco impiegare il tempo a scrivere cose nuove.

    maurizio3 marzo 2015 / Rispondi

    Sappiamo che la fattura di professionisti è: ritenuta d’acconto 20% , la cassa previdenza 4% e l’iva 22%, come arrivo all’imponibile avendo il netto da corrispondere?qual è la formula?

      Stefano Gardini6 marzo 2015 / Rispondi

      Netto / [100+(IVAperc-RAperc)] * 100. Esempio pratico: Netto a pagare 255,00: 255/[100+(22-20)] * 100 ->305/102*100 = 250.

    MATTEO16 marzo 2015 / Rispondi

    salve! Sappiamo che la fattura di professionisti è: ritenuta d’acconto 20% , la cassa previdenza 4% e l’iva 22%, questa modalità è valida anche per i procascciatori d’affari con partita IVA? grazie Matteo

      Stefano Gardini17 marzo 2015 / Rispondi

      Il procacciatore di affari per quanto riguarda la ritenuta di acconto è assimilabile all’agente di commercio quindi va applicata nella misura del 23% sul 50% dell’imponibile.

    andrea25 marzo 2015 / Rispondi

    buon giorno
    desidero sottoporrere il seguente quesito:
    – Fatture per prestazioni professionali svolte all’estero (Libia) e/o comunque per attività connesse ad un contratto per prestazioni all’ estero (Libia), nel quali peraltro non vengono applicate ritenute fiscali (IVA) devono ritenersi soggette al Contributo Cassa ing ed all’ IVA ?
    grazie Fuso Andrea

      Stefano Gardini25 marzo 2015 / Rispondi

      Direi di no all’iva e di sì alla cassa previdenziale per le quali c’è una specifica disposizione nella legge di stabilità 2013, che prevede l’addebito da parte dei professionisti del contributo 4% anche a clienti UE ed ExtraUE.

    Genny23 settembre 2015 / Rispondi

    Lavoro presso una societa’ che gestisce una cava di inerti.
    Attualmente non disponiamo di mezzi di trasporto per la consegna degli inerti venduti, abbiamo dato incarico a un trasportatore in c/proprio per il carico e la consegna della merce al ns. cliente. E’ corretta l’emissione del DDT da parte della persona che effettua la consegna? Nel DDT viene indicato che la merce e’ venduta dalla ns. societa’ e nella fattura differita verranno indicati i numeri di DDT emessi dal ns. incaricato ( tutto questo perche’ chi effettua il trasporto non ha un c/terzi). Lo so e’ una situazione un po’ incasinata che altre alternative abbiamo? Grazie Stefano per la tua disponibilita’

      Stefano Gardini24 settembre 2015 / Rispondi

      Non potete emettere voi il DDT con indicato il trasportatore? Mi sembrerebbe il modo più corretto.

    Genny28 settembre 2015 / Rispondi

    Hai senz’altro ragione nell’affermare che sarebbe corretta
    l’emissione del ddt da parte ns. ma come gia’ accennato nella mia precedente il trasportatore non puo’ trasportare merci per conto di terzi. Grazie per la tua risposta.

      Stefano Gardini29 settembre 2015 / Rispondi

      Scusa non avevo memorizzato questo particolare. Se non può fare trasporto conto terzi, la soluzione corretta non c’è, non lo deve fare.

    Paolo3 dicembre 2015 / Rispondi

    Salve, devo svolgere un lavoro come libero professionista e ho difficoltà a calcolare la fattura. è un lavoro in cui ho preventivato euro 1500 di manodopera + 1190 di spese materiali , per un totale di 2690 + iva. Qual è il calcolo corretto per la fattura considerando anche il 4% inps?
    Grazie

      Stefano Gardini3 dicembre 2015 / Rispondi

      Ti consiglio di fare due fatture, una per il materiale ed una per la prestazione così tutto diventa facile. La vendita non è soggetta nè ad inps nè a ritenuta di acconto, mentre la fattura della prestazione diventa facile con il solo importo della manodopera.

        Paolo3 dicembre 2015 / Rispondi

        La ringrazio per la celere risposta….quindi, se ho capito bene, dovrei seguire la seguente formula per la fattura della manodopera : (importo + 4% inps) + (iva 22% sull’imponibile – r.a.20% sull’imponibile) = netto a pagare ?
        Mentre per i materiali (che io dovrò comunque acquistare) dovrò fare una fattura a parte con la spesa preventivata senza fare alcun calcolo e poi io scaricherò le fatture di acquisto? Purtroppo ho la p.i. da poco e sto ancora cercando di destreggiarmi..

          Stefano Gardini4 dicembre 2015 / Rispondi

          Sì io per semplicità farei così. Puoi anche fare una fattura unica ma i calcoli sono un po’ più complessi. Finchè non hai ‘imparato’ bene ti consiglio, anche per facilità di gestione, di tenere separatele fatture di materiale da quelle di manodopera.

Lascia un commento