Novità importanti per conservazione e consultazione Fattura Elettronica

Ci sono importanti novità inerenti il servizio di Agenzia Entrate per la consultazione online delle fatture elettroniche inviate e ricevute (Fatture e Corrispettivi.)

Con provvedimento del 15 novembre 2018 il garante per la privacy ha stabilito che il trattamento dei dati dettagliati della fattura elettronica è illegittimo e lesivo della riservatezza dei dati. Per superare i rilievi del garante l’Agenzia ha introdotto il “Servizio transitorio di consultazione e memorizzazione”, prevedendo originariamente le seguenti date:

  • dal 3 maggio per l’adesione al nuovo servizio;
  • dal 2 luglio per l’avvio a regime dello stesso (con chiusura definitiva del servizio transitorio di consultazione).

Come poi succede frequentemente, per necessità tecniche di adeguamento, il 29 Aprile 2019 l’Agenzia proroga le date:

  • dal 3 al 31 maggio per l’adesione al nuovo servizio;
  • dal 2 luglio al 2 settembre per l’avvio a regime dello stesso (con chiusura definitiva del servizio transitorio di consultazione)

Cosa succederà a partire dal 2 Settembre

Dopo il periodo transitorio gli utenti si divideranno in due categorie: coloro che avranno aderito al “Servizio di consultazione e scarico del file XML della fattura elettronica”, e coloro che non avranno aderito.

Per i primi si ipotizza che il il servizio resti funzionalmente simile a quello attuale, magari con piccole migliorie. Potranno quindi avere disponibili gli XML completi delle fatture elettroniche emesse e ricevute fino al 31/12 del secondo anno successivo a quello di trasmissione via SDI delle fatture.

Per coloro che invece non aderiranno al servizio, Agenzia Entrate provvederà a cancellare i file XML delle fatture ricevute, conservando esclusivamente i “dati fattura”.

I dati fattura conservati

Verranno comunque sempre conservati:

  • dati obbligatori della fattura (art. 21 DPR 633/1972), esclusa la descrizione;
  • dati necessari per attività tributarie (es. targa automezzo per rimborso accise);
  • dati necessari al Servizio di Interscambio (idFile, hash, ecc.)

Anche in assenza di adesione al servizio verranno conservati:

  • i dati anagrafici sia del cedente/prestatore che del cessionario/committente;
  • gli importi rilevanti della fattura (importi, ritenuta, divisa, bollo, cassa di previdenza, etc.);
  • i dati dell’ordine d’acquisto (CIG, CUP, etc.), del contratto/convenzione e tutte le altre informazioni su documenti in qualche modo collegati
  • dati essenziali delle linee del corpo fattura, tra cui il codice articolo;
  • sono inoltre conservati tutti gli “Altri dati gestionali”.

In sostanza, in assenza di adesione all’accordo, l’Agenzia delle Entrate manterrà le tipologie di dati significativi, la cui elaborazione può essere agevolmente meccanizzata e resa disponibile alle banche dati fiscali per i controlli.

Aderire al servizio consultazione fattura elettronica

La situazione attuale prevede che, a partire dal 31 maggio 2019, nell’area Fatture e Corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate venga rilasciata un’apposita funzionalità che permetta a ciascun soggetto IVA dotato di accesso ai servizi dell’Agenzia (mediante credenziali Fisconline o Entratel, CNS o SPID) o agli intermediari fiscali (commercialisti, consulenti, associazioni) di aderire al nuovo “Servizio di consultazione e scarico del file XML della fattura elettronica”, in proprio o per i propri clienti/associati.

Al momento, ogni volta che si accede all’area Fatture e Corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate dovrete esplicitamente approvare l’adesione al “servizio temporaneo di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche”.

Noi di Gestionale Amica siamo dell’idea che, a parte alcuni casi molto particolari, convenga assolutamente aderire al servizio, in modo da mantenere la piena funzionalità nell’accesso all’area Fatture e Corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate e la totale e completa visibilità delle proprie fatture. Non aderire al servizio non comporta alcun vantaggio dal punto di vista fiscale, ma fa perdere l’accessibilità ad un servizio ufficiale valido ed utile. Incoraggiamo quindi tutti, in proprio o con il proprio intermediario, ad aderire al servizio nei tempi previsti.

Stefano Gardini

Co-Fondatore e Amministratore di CIR 2000 e della linea di software gestionali Amica.

Fatture elettroniche verso San Marino: nuovo codice destinatario dal 1 Ottobre 2021

Stefano Gardini | 23 Settembre 2021 | Generale

Col provvedimento n. 211273 del 5 agosto 2021, l’Agenzia delle Entrate ha definito le regole per trasmettere e ricevere fatture elettroniche nei rapporti con soggetti di San Marino, frutto degli accordi tra i due stati. Di fatto si stabilisce che per le fatture verso soggetti residenti a San Marino va emessa normale fattura elettronica, come…
Leggi tutto

Nuovi pagamenti via conto corrente per Amica 20 ed i servizi in abbonamento

Nicola Iarocci | 4 Giugno 2021 | Generale

Qualche settimana fa vi abbiamo annunciato l’avvento di Amica 20 e della nuova opzione Cloud. Ci stiamo preparando in molti modi, cogliendo anche l’occasione per migliorare ed ampliare le opzioni a disposizione dei nostri clienti, non solo per quanto riguarda il prodotto vero e proprio, ma anche a proposito della sua esperienza di acquisto. Amica…
Leggi tutto


2 commenti su “Novità importanti per conservazione e consultazione Fattura Elettronica”

    luigi27 Maggio 2019 / Rispondi

    come faccio ad aderire a questo servizio? di consultazione delle agenzia delle entrate ?

      Stefano Gardini7 Giugno 2019 / Rispondi

      Direttamente sul sito di Agenzia Entrate dal 31 maggio

Lascia un commento